La Valle dei Mulini - Trekking nell'entroterra vibonese tra natura ed enogastronomia

panorama-monte-poro-vibo-valentia-escursione-guide-turistiche-associate-calabria

Panorama dal Monte Poro

escursione-monte-poro-vibo-valentia-guide-turistiche-associate-calabria
woodwardia-escursione-monte-poro-vibo-valentia-guide-turistiche-associate-calabria
woodwardia-radicans-escursione-monte-poro-vibo-valentia-guide-turistiche-associate-calabria

Woodwardia Radicans

Arrow
Arrow
Slider

Caratteristiche del tour

Durata: Intera giornata
Tipologia:  Panoramico
 Naturalistico
Inclusi:  Trasporto
 Pranzo 
 Degustazione
Partenze da: Tutte le province
Prezzo: Richiedi  

Info 

Escursione in provincia di Vibo Valentia  

 Monte Poro

 Trekking nella Valle dei Mulini

 Spilinga: degustazione prodotti tipici

Opzione mezza giornata: questo tour è disponibile anche in versione mezza giornata con un itinerario ridotto

Descrizione

La provincia di Vibo Valentia è sicuramente conosciuta ai più per la meravigliosa Costa degli Dei: Capo Vaticano, Tropea, Ricadi, Pizzo, Zambrone sono le località turistiche più rinomate per la bellezza delle acque cristalline che le bagnano. Ma la Calabria, oltre le sue splendide coste, possiede un ricchissimo patrimonio naturale sotto forma di un territorio prevalentemente collinare e montuoso, ricco di biodiversità: flora e fauna caratteristici che si possono osservare al meglio con un percorso di trekking, guidato da una delle nostre esperte guide ambientali (GAE). Il monte Poro può essere definito come il fulcro dell'entroterra vibonese: è affacciato sullo splendido paesaggio della Costa degli Dei, incastonato in posizione panoramica tra le montagne e il mare, ed è caratterizzato da prati molto estesi che vengono utilizzati ancora oggi per il pascolo. L'altitudine, 700 metri s.l.m., non essendo molto elevata, ha permesso lo sviluppo di una ricca vegetazione tra pascoli verdeggianti, oliveti, vigneti e filari di pioppi.
L'escursione partirà da Spilinga, località molto conosciuta per la produzione della 'nduja, che si trova alle pedici del Monte Poro, a soli 11 km da Tropea e 10 km da Capo Vaticano. Da Spilinga, percorrendo una mulattiera si risalirà l'alveo della fiumara Ruffa: è proprio con questo percorso che si potranno ammirare preziose testimonianze storiche e meraviglie naturali. Incontreremo infatti i resti di nove mulini, da qui il nome di “Valle dei Mulini”, le cui origini risalgono al VII-X secolo circa; durante l’epoca delle invasioni arabe i mulini erano stati migliorati ed incrementati e sono stati una risorsa molto importante dal punto di vista economico per questo territorio fino agli anni '50. Durante il percorso la guida illustrerà il ricco patrimonio della flora che comprende sia la più conosciuta macchia mediterranea, come quercia, olmo, alloro, corbezzoli, mirto, more, finocchio selvatico, origano ed altri; ma soprattutto delle piante molto particolari come le orchidee mediterranee, tra cui l' “orchis italica”, chiamata anche “uomo nudo”; potremo osservare anche la “Woodwardia Radicans”, una felce tropicale dall'aspetto molto bello e singolare. Questa pianta merita sicuramente un breve approfondimento: si tratta di una rara felce gigante, le cui fronde possono raggiungere la lunghezza di ben tre metri; in Italia possiamo trovarla in Sicilia, in alcune gole dei Peloritani e in alcune zone della Campania, ma soprattutto è presente in Calabria, sul Monte Poro e in Aspromonte. Lungo la fiumara Stilaro nei pressi della cascata Marmarico, vicino Bivongi, sono presenti numerosissimi esemplari, ma è proprio lungo gli argini del torrente Ruffa, e vicino al fiume Milo, che crescono più di 2000 esemplari di Woodwardia radicans: è la più imponente concentrazione di questa rara pianta finora scoperta nel mondo. La causa di tale concentrazione è proprio il microclima di questo territorio, che rappresenta l'habitat ideale di questa pianta: elevata umidità, scarsa illuminazione diretta e temperature comprese fra 10 e 25 gradi. Merita anche una menzione il notevole patrimonio faunistico, composto da cinghiale, tasso, volpe, faina, donnola, riccio, ghiro ed altri. A seconda del periodo in cui viene fatta questa escursione, si potranno avvistare, in tempi diversi, tordi, falchi di palude, beccaccini, allodole proprio perchè questa valle rappresenta una zona di transito e di svernamento per questi animali. Inoltre, tra i rapaci, si possono ammirare la poiana, il gufo, il barbagianni e il gheppio. 
Rientrando a Spilinga si visiterà un'azienda di produzione dei prodotti tipici, tra i quali, oltre la ben nota 'nduja, ricordiamo il capicollo, la soppressata ed altri salumi tipici, conserve sott'olio e il buonissimo pecorino di Monte Poro, altra specialità della zona. Il Pecorino del Monte Poro è da molti considerato il migliore dell'Italia meridionale: il latte degli allevamenti locali è reso speciale proprio dalle essenze dell'altopiano, sul quale si pratica il pascolo estensivo. Questo formaggio rappresenta un'eccellenza locale che si differenzia da altri prodotti simili per via di alcuni accorgimenti durante il processo di produzione: le tecniche di lavorazione e stagionatura tradizionali caratterizzano questo formaggio così genuino.

 

Richiedi Info/quota                             Torna a tutti gli itinerari

Ti piace questo itinerario? Condividilo!

4.6153846153846 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.62 (13 Votes)

I nostri servizi

    Escursioni in Calabria, tour e visite guidate in Calabria, Puglia e Sicilia
     Guide turistiche abilitate in Calabria, Puglia e Sicilia
    Accompagnatori turistici abilitati, Guide escursionistiche Ambientali
    Consulenza itinerari turistici in Calabria, interpretariato e traduzioni
     Corsi di formazione per guide e operatori turistici

Seguici sui social

Visita la nostra pagina Facebook ed il nostro profilo Google plus!

-----------------------------------

Sei una guida turistica, guida ambientale,
accompagnatore, con abilitazione?

Collabora con noi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti e offerte dal nostro sito

 
       Privacy Policy

Sponsor